La grande forza della mente

Ciao,

oggi ti propongo un post molto personale.

Mentre leggi queste righe io sono all’ospedale,

per affrontare un intervento chirurgico ad un piede.

Ma non è certo di questo che ti voglio parlare.

Fino a domenica sono stato in vacanza;

ho camminato molto, al caldo, ho corso, nuotato,

giocato con i bambini; chiaccherato, discusso e riso con gli amici, ecc.

Insomma, non ho mai badato al mio piede,

perchè i miei pensieri erano intensamente occupati altrove.

*********************************************************

Da lunedì, rientrato nella “normalità”,

il piede mi duole, pulsa, si fa sentire.

Finita la distrazione della vacanza, ho portato la mia mente a pensare

all’intervento, al piede.

E dentro di me è cresciuta la preoccupazione,

che tende a distogliere la mia mente dalle altre cose.

**********************************************************

Questo è un piccolo esempio, per me attuale,

di quanto puoi costruire la TUA realtà,

bella o brutta,

a seconda di come indirizzi i TUOI pensieri.

Evidentemente questo cambia radicalmente la TUA efficacia,

la capacità di porsi in modo positivo ed utile nelle situazioni.

Ti trovi ad affrontare ed a vivere le situazioni,

in base a come le vedi, non per quello che sono!

E puoi avere un atteggiamento positivo, più efficace

oppure negativo, ovviamente poco utile.

*********************************************************

Perchè non provare a controllare i pensieri e

di conseguenza a gestire gli stati d’animo, anzichè subirli?

A presto!

1 comment

  1. Vi racconto un’altra accia della mia operazione;

    mentre ero disteso sul lettino, potevo scorgere il monitor che evidenziava all’anstesista i miei dati funzionli, tra cui il battito cardiaco.

    Poichè mi sentivo tranquillo, ho fatto un pò di esperimenti:
    semi concentravo sul numero visualizato rlativo al battito cardiaco, questo tendeva ad aumentre, così pure se tentavo di rilassarmi forzatamente.
    Se invece mi giravo dall’altra aprte e per qualche istante pensavo effettivamente d altro, generlmente il battito scendeva.

    Non è certamente un esperimento “scientifico”, ma mi sembra istruttivo!

    costruisci la ta realtà, con la forza della mente!

    Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...