4 comments

  1. Caro Andrea,
    ti scrivo di istinto, subito dopo aver letto la tua mail e senza pensarci su più di tanto. Non ho bisogno di andare a rispolverare nel mio catalogo comportamenti diplomatici (sai bene che un presidente ha certamente imparato a collezionarli e ad esibirli quando si conviene). Mi dispiace…….ma sono contento per te, perché, conoscendoti, senz’altro hai deciso per il meglio. Del resto, non si può predicare bene e razzolare male. Mi dispiace perché, benché anche la mia partecipazione al tuo blog sia stata episodica e incostante (sta’ tranquillo non mi faccio venire i sensi di colpa), eri comunque un appuntamento con un caro amico che, sulle circostanze che ci vedono protagonisti nella vita e nel lavoro, aveva avuto modo di riflettere, mettendo queste riflessioni a disposizione degli altri. Mi rendo conto che l’impegno che ti richiede la gestione di uno spazio del genere, probabilmente è sproporzionato rispetto al risultato che avresti voluto ottenere …per cui va bene così. Dopo la mail sono “corso” sul blog e, vabbé, ho potuto apprezzare ancora una volta il tuo stile nel commiatarti. Complimenti! E ora che faccio? ti cancello dai preferiti (solo sul PC, ovviamente)? Ti voglio bene, Claudio.

  2. Senti Andrea, stai facendo sul serio? Non conosco gli obbiettivi che ti eri prefissato ma non è questo il punto. Hai lanciato un sasso ed ora ritiri la mano. Le tue proposte, le tue riflessioni, le tue emozioni le ho calate nel mio quotidiano ed ho scoperto che ci sono punti di vista che non avevo mai considerato. Mi hai aiutato in momenti “giù” non solo professionali ma anche umani. Mi hai fatto capire che sto andando verso la strada giusta nonostante tutto sembri, a volte, remare contro. Non ci lasciare, te lo chiedo per favore. Ciao.

  3. caro Andrea, sono un tuo collega e sono felice di aver trovato la conferma che il blog del primo aprile si sia rivelato tale… proprio come avevo immaginato!
    la storia è questa: non ti ho mi scritto e non ho mai lasciato nessun commento… ma son contento se tu vai avanti con l’esplorazione dei collegamenti cognitivi, nella esplorazione di se stessi che applicata al meglio può condurre alla soddisfazione di aver operato al meglio.
    con tutti i miei auguri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...