Ancora su Italia 2020 Sacconi – Gelmini

Ancora qualche nota sul documento congiunto Sacconi – Gelmini:

Parole chiave:
scuola che educa, oltre a formare
educazione all’assunzione di responsabilità personale ed allo spirito d’iniziativa
orientamento
formazione tecnica e professionale
superamento dell’autoreferenzialità

Il documento pone l’attenzione su un tema forte: una società bloccata non riesce a sfruttare appieno le potenzialità del proprio capitale umano, riconoscendo il merito e premiando i talenti. Educazione Una delle concause è rappresentata dalla “marcata autoreferenzialità del sistema educativo d’istruzione e di formazione che incide negativamente sulle prospettive occupazionali dei giovani”. Due sono le linee d’indirizzo individuate per intervenire sulla situazione: la mobilità degli studenti e la sostituzione del valore legale del titolo di studio con il sistema dell’accreditamento dei corsi, in relazione all’effettiva qualità degli stessi.

Viene proposto un tema caro e ricorrente per Sacconi, il recupero della “valenza educativa e culturale del lavoro”, declinato attraverso l’assunzione di responsabilità, la coltivazione dei talenti e dello spirito d’iniziativa fin da giovanissimi; ma anche attraverso la promozione dell’associazionismo in ambito scolastico ed universitario, favorendo il superamento del dualismo istruzione liceale e tecnico-professionale, potenziando i sistemi di orientamento.

Ancora.

Il documento mette con forza la scuola e l’università al centro del sistema d’educazione e formazione del giovane, persona prima che studente e lavoratore, ribadendo come l’istruzione e la formazione al lavoro si debbano innestare su un tessuto fecondo di capacità e motivazione allo sviluppo ed all’attuazione della propria cittadinanza attiva.

Emerge l’invito al superamento di quella che viene definita autoreferenzialità del sistema scolastico attraverso riferimenti esterni, sia di tipo economico (aziende e professioni) sia grazie ad un sistema di valutazione nazionale in grado di sviluppare un approccio rivolto al miglioramento continuo.

Di più.

Il documento ribadisce con forza che la “promozione della cultura del lavoro e dell’organizzazione aziendale, sin dalle più giovani età, potrà generare generare altresì un sistema di formazione continua davvero efficace, aumentandone i benefici per i lavoratori e le imprese”

Si tratta indubbiamente di stimoli forti, coerenti con la visione del mondo e del mercato del lavoro che il Ministro Sacconi sta portando avanti in questi anni, caratterizzata da una maggiore attenzione agli elementi sostanziali, piuttosto che a quelli formali.

Importante il fondare l’occupabilità e la professionalità su un substrato non meramente formato da conoscenze, competenze ed abilità, ma anche attento alla consapevolezza di sé come cittadino e come lavoratore ed al senso profondo e pieno del lavoro sia in termini economici che sociali.

Grazie per la tua attenzione!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...