Organizzazione aziendale: qual è la scelta più corretta per il futuro di imprese e studi professionali? (I parte)

In questo difficile periodo, molti studi professionali ed aziende hanno compreso l’importanza e avvertito l’esigenza di conoscere meglio il propri processi, con particolare riferimento ai costi di gestione ed alla produttività del personale.

I costi diretti del personale rappresentano in media circa il 30% dei costi aziendali e molto spesso non sono gestiti ma solo amministrati:
All’interno di queste due nicchie di costo si “nascondono” generalmente significative opportunità per migliorare rispettivamente l’efficienza dell’organizzazione e ridurre l’entità della spesa.

Ma quale insidia si cela dietro la legittima e corretta ricerca espressa da professionisti e titolari di conoscere e padroneggiare il proprio sistema produttivo? Le micro e piccole imprese e gli studi professionali si caratterizzano di solito per essere organizzati su strutture assai corte, poco formalizzate, nelle quali le persone ricoprono più mansioni, senza una specifica delega e seguendo metodi di lavoro che quasi mai sono frutto di procedure scritte e condivise.
Dato per scontato che il navigare a vista non è più conveniente sia in termini di risultati economici che per quanto riguarda la qualità offerta e la soddisfazione del cliente, è altrettanto vero che non è affatto semplice pensare di “rinchiudere” repentinamente una siffatta organizzazione all’interno dei rigidi confini della retorica tipica del XX secolo: comando, controllo, rigide mansioni.
Non è il caso di prendere ora questa strada, se non come passaggio intermedio di razionalizzazione del proprio sistema, in vista di assumere una pelle decisamente più in linea con i tempi di incertezza e di cambiamento continuo che studi ed imprese stanno attraversando.
Il futuro organizzativo delle piccole e medie imprese e degli studi professionali non sta di certo nella rigidità, ma nella flessibilità, nella fungibilità e nella competenza professionale del personale, nella capacità di cambiare costantemente adattandosi al le evoluzioni di mercato.

Grazie per la tua attenzione; domani ricordati di leggere la seconda parte dell’articolo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...