Quanto conta una “bella” voce? (1^ parte)

Mi piace tornare periodicamente a parlare di comunicazione, vista l’importanza che la competenza comunicativa ricopre nella vita e nel quotidiano.

E la voce rappresenta senz’altro uno dei principali strumenti della tua comunicazione; sia per esprimerti, che per conoscerti.

La voce ti fa sembrare più o meno sicuro di te e di ciò che affermi e, al contempo, ti farà sentire più o meno sicuro. Gioca dunque un duplice ruolo, verso gli altri e verso te stesso; proprio per questo motivo va conosciuta e gestita in modo adeguato, senza rifiutare l’ascolto… delle proprie parole.

Esatto, senza commettere questo primo errore, visto che di solito ci si sente a disagio ad ascoltare “dall’esterno” la propria voce, quasi si avesse la sensazione di non riconoscersi (o non si volesse proprio farlo!)

Eppure conoscersi è importante per aver chiaro qual è l’effetto che produci sugli altri quando comunichi, anche perché dalla capacità di risultare efficace dipende lo “stare bene” nella relazione e viceversa: si tratta di un circolo virtuoso o vizioso, a seconda di come ti riesci a porre nelle situazioni.

Ascolta te stesso, dunque; i mezzi non mancano di sicuro. renditi conto di quale può essere l’effetto che produci sugli interlocutori. Cerca anche di capire se la voce che senti ti soddisfa e ti sembra coerente con la persona che vuoi essere.

Il primo passo per una “bella” voce è sapere com’é oggi la tua “vera” voce.

Grazie per l’attenzione!

Annunci

8 thoughts on “Quanto conta una “bella” voce? (1^ parte)

  1. Credo anch’io che si possa migliorare la propria voce. Ascoltarsi a volte è imbarazzante pero’ aiuta molto. Anche i corsi di canto e recitazione aiutano a controllare la voce.

  2. Ciao Andrea! Hai, come sempre, ragione. Non è facile conoscere la propria voce ed io, quelle poche volte che mi sono “risentita” non mi sono interamente riconosciuta. Certo bisognerebbe prendere, forse, l’abitudine di registrarsi e risentirsi, ma le occasioni, le persone, i luoghi diversi possono portare ad una naturale alterazione. L’emozione, poi, gioca brutti scherzi. Io trovo che quando sono “a mio agio” mi esprimo con un tono ed un modo migliore. Penso che questo sia normale, vero? Conta molto anche l’ abitudine o meno di parlare in pubblico, anche se con poche persone.
    Continuerò a seguire i tuoi consigli!!!!! Ti saluto e ti ringrazio per il prezioso aiuto .

  3. Nella settimana seguente, il mio periodo di ferie, lo farò.
    Dovrò usate un registratore e sentirmi in cuffia? grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...