Ma ti accorgi davvero di quello che fai?

Questo articolo è dedicato all’imprenditore che vuole conoscere e capire realmente la propria azienda.
Chi invece pensa di sapere già tutto può tranquillamente passare oltre.

Mettiamo ordine nelle cose.
In azienda girano un sacco di informazioni che non sempre l’imprenditore coglie, con tutte le negatività che ne conseguono.
Come detto, le informazioni girano, o meglio sono in circolo un sacco di segnali, che costituiscono potenziali informazioni; a patto di essere percepiti, interpretati e compresi.

Il problema sta nel fatto che spesso all’imprenditore sfuggono le informazioni che lui stesso produce; figuriamoci quelle che producono gli altri!

Come detto sopra, facciamo ordine!
L’imprenditore lancia un sacco di messaggi al proprio personale, utilizzando uno strumento assai comune: il prospetto paga.
Esatto, il prospetto paga.
Questo foglietto, solo apparentemente ragionieristico, spiega bene quale sia l’interesse dell’imprenditore per il dipendente. Esatto, ne racconta la dinamica retributiva, lo sviluppo di carriera, l’eventuale (ahimè) modalità premiale legata ai risultati individuali e collettivi.
Le evoluzioni dello stipendio dipendono da scelte esogene (aumenti contrattuali, indennità di mansione, scatti di anzianità, passaggi di livello, bonus Renzi, assegni familiari, ecc.) e da scelte endogene, interne all’azienda.
Queste ultime, più o meno casuali, concorrono a scrivere, più o meno bene, la politica del personale decisa, più o meno consapevolmente, dall’imprenditore.

Nella maggior parte delle piccole aziende, questo processo viene realizzato prevalentemente con un rapporto one to one, come se l’azienda fosse formata da un insieme di relazioni singole, che casualmente si intrecciano nei processi produttivi.
Chiaramente non è così; e quando si esaminano le retribuzioni in senso trasversale, emergono tutte le incertezze, le iniquità ed il pressapochismo di una gestione dei dipendenti priva di metodo e spesso decisamente poco attenta, ahinoi, a riconoscere in modo trasparente e premiare oggettivamente l’impegno e la produttività.

Ma per un datore di lavoro disattento, o peggio sprovveduto, che non si accorge di quanto comunica attraverso le proprie scelte, per contro il personale se ne accorge molto bene, e quanto non comprende lo immagina, spesso accentuando le negatività.
E la risposta negativa dei dipendenti è chiara, seppur non dichiarata apertamente; si chiama assenteismo, rifiuto ad effettuare straordinari, elevato turnover, scarsa fedeltà verso l’azienda, resistenze verso le richieste di flessibilità e di fungibilità della mansione, rigidità alla collaborazione, tenenza a schivare le responsabilità, blocco nelle comunicazioni, ecc.
Una sorta di “sciopero lavorato”, che priva l’azienda di una fetta notevole del contributo che il personale le potrebbe garantire, se opportunamente gestito e motivato. E a parità di retribuzione.

Pochi imprenditori dedicano il proprio tempo a consegnare direttamente il prospetto paga al dipendente; chi lo fa può cogliere al volo l’espressione del collaboratore quando lo scorre, dopo averlo ricevuto. Sorriso o smorfia? E’ contento o deluso? Si aspettava di trovare quei numeri o non capisce? Ciò che ha ricevuto lo motiva? Oppure lo delude e incrina i rapporti con l’azienda o con qualche collega?
E tutto questo l’imprenditore lo conosce (e dunque lo può gestire) o no?

Come si può vedere, un prospetto paga è in grado di raccontare davvero molte cose, se incontra un imprenditore intelligente, capace di stare ad ascoltare e disponibile a comprendere come, proprio quel semplice foglio, possa divenire una delle principali armi del suo successo.

[Foto scattata ad Olbia (OT) nel maggio 2018]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...