Non sprecare mai le opportunità! (Non è detto si ripresentino!)

Se è vero che in termini di comunicazione

nessuno ha la seconda occasione per fare la prima impressione

è parimenti vero che se un contatto commerciale non va a buon fine, non è detto che si abbia un’ulteriore opportunità per fare di meglio; molto spesso l’occasione è andata sprecata.

Proprio per questo va sempre tenuta a mente la regola aurea, che si compone di due passi fondamentali:

  1. cercare sempre di parlare col decisore finale;
  2. se non è proprio possibile e (soprattutto) se l’interlocutore a disposizione non appare del tutto capace di convincere e di riportare esattamente quanto e come gli abbiamo spiegato, soprattutto in questo caso risulta fondamentale lasciare del materiale adeguato ed in quantità coerente con il valore del preventivo.

Sottolineo comunque come sia assolutamente sempre conveniente lasciare del materiale adeguato ed in quantità coerente con il valore del preventivo.

(Foto scattata a Riva del Garda (TN), giugno 2017)

Annunci

Comunicazione efficace oggi: da prendere nota!

A proposito di comunicazione efficace; ecco alcune frasi tratte da un’intervista realizzata da Radio Vaticana al direttore di Civiltà Cattolica, Padre Antonio Spadaro.

“Il Papa dice una cosa qui molto importante, che la comunicazione è una sfida appassionante – è una sua espressione – che appunto richiede energie. Non si può, quindi, affidare la comunicazione ad una routine meccanica, da ufficio stampa che si ferma solo a comunicare delle frasi fatte. Richiede, dunque, energie, voglia di comunicare, intensità, ma anche un’immaginazione nuova. Questo è molto interessante, cioè bisogna vedere le cose in maniera differente. L’immaginazione cristiana è un’immaginazione – grazie all’immagine del Buon Samaritano – in grado di plasmare, di dare forma ad una comunicazione che significa anche un modo di vivere insieme. Il Papa parla a volte nell’Evangelii Gaudium di una marea un po’ caotica, di una sorta di “carovana solidale” in cui ci troviamo immersi. Sono tutte immagini che colpiscono l’uomo di oggi, ma che dicono come la Chiesa debba mischiarsi, debba impastarsi con questa umanità per comunicare il messaggio del Vangelo.”